Il mercato del 5G è sul punto di esplodere, entrando nella sua piena maturazione. Secondo le stime del report “Operator Revenue Strategies: Business Models, Emerging Technologies & Market Forecasts 2023-2027” di Juniper Research, entro il 2027 gli operatori genereranno 625 miliardi di dollari dai servizi 5G a livello globale, passando dai 310 miliardi previsti quest’anno. Un “boom” di crescita del 100% trainata dalla migrazione degli abbonamenti mobili alle reti 5G e dalla crescente inclusione di eSIM in dispositivi come laptop e hotspot Wi-Fi.

Se le aspettative saranno confermate, le reti di quinta generazione consentiranno alle telco di ripagare gli importanti investimenti fatti in questi anni. Inoltre, l’implementazione delle eSim nei nuovi dispositivi farà crescere il traffico dati cellulare globale di oltre il 180% tra il 2023 e il 2027, assorbendo parte dei flussi, attualmente assegnati alle reti fisse e Wi-Fi. Perciò gli operatori devono garantire che le reti, comprese quelle 5G e le prossime 6G, siano stabili e performanti, implementando nuove tecnologie in tutte le reti.

Una crescita trainata dalla migrazione degli abbonamenti mobili alle reti 5G e dalle eSIM in dispositivi come laptop e hotspot Wi-Fi. Ma attenzione ai costi che potrebbero allungare i tempi per il ritorno sugli investimenti

Per prepararsi a questo scenario caratterizzato da una domanda crescente di dati cellulari, gli standard 6G dovranno adottare tecnologie innovative che non sono attualmente utilizzate negli standard 5G. Secondo il report di Juniper Research sarà necessario investire nelle reti non terrestri (Ntn) e nelle bande di frequenza sub-1THz, tecnologie fondamentali per completare con successo i test iniziali delle reti 6G, e fornire maggiori capacità di trasmissione dati rispetto alle attuali reti 5G.

Tuttavia bisogna fare attenzione alla roadmap di realizzazione dei progetti, perché l’aumento dei costi generato dall’uso dei satelliti per le reti non terrestri, e i costi di acquisizione dell’alta frequenza, comporteranno tempi più lunghi per garantire agli operatori un ritorno sugli investimenti 6G.

Il 5G è quindi una tecnologia che ha mantenuto le sue promesse, con un forte interessamento anche in ambiti industriali come, ad esempio, il manufacturing e la mobility. Per quanto riguarda l’Italia, secondo il rapporto Desi 2022 e Gsma intelligence, il 5G copre tra il 96% il 99,7% della popolazione, ossia la maggiore copertura in Europa. Tuttavia a livello industriale lo sviluppo dei progetti procede lentamente e con qualche incognita. Entro il 2025 il mercato industriale nel nostro Paese potrà valere 40 milioni di euro nel caso in cui la quinta generazione di reti mobili sarà utilizzata solo per test tecnologici e parziale ingegnerizzazione di processi. Se invece il 5G diventerà lo standard per la connettività industriale e nel mondo business, il mercato potrà valere 200 milioni di euro, secondo l’ultima ricerca dell'Osservatorio 5G & Beyond della School of Management del Politecnico di Milano. 

 

 

Rivoluzione 5G, servono competenze e use caseRivoluzione 5G, servono competenze e use caseGP0|#ebea6803-8275-4c9d-ac5c-ca7a78e96e2b;L0|#0ebea6803-8275-4c9d-ac5c-ca7a78e96e2b|5G;GTSet|#731c59c8-4118-4f4c-8ddc-7170dc5cfcbd31/10/2021 23:00:00https://www.unipoltech.com/it/news/competenze-e-5g02/12/2021 15:38:09037699Chi siamo News Open Innovation Contatti Login operatore Accesso Clienti Arca Accesso Clienti Linear Accesso Clienti UnipolSai Auto singole Accesso Clienti UnipolSai Auto aspx8763htmlFalseaspx<img alt="" src="/en/PublishingImages/Connessione%205G.jpg" style="BORDER:0px solid;" />Cosa comporta il nuovo standard di connettività 5G? Quali trend emergeranno?